Il mio nome è Wilde… HeidiWilde

Con il trasferimento ad Avellino io e mia sorella abbiamo dovuto rinunciare ad avere ognuna la propria stanza… sacrificio enorme!!!

La cameretta attuale devo dire che è abbastanza grande divisa in due da una bellissima libreria cosicché ci si possa illudere d avere ancora i proprio spazi.

Ed ogni parte di camera ha una finestra enorme. Dunque due belle finestrone sempre spalancate verso il verde delle montagne.

Questa è la nostra stanza: la stanza mia, di mia sorella.. e del micio.. che riempie il mio letto di pelazzi che mi ritrovo sparsi ovunque.

 

È anche la stanza degli uccelli … direi.

 

Circa un mesetto fa… si stava studiando (io e mia sorella) ognuna nella propria parte d stanza, ognuna sulla propria scrivania e ognuna davanti alla propria finestra … quando ad un tratto sento un

“Claudiaaaaaaa!!” e guardando attraverso la libreria vedo mia sorella che per poco non si butta per terra… un piccione ha terminato il suo volo sulla sua pianta. Dopo aver zampettato per benino sul suo letto ( io a dire il vero m stavo ammazzando dalle risate considerando le sue urla “che schifooooo .. nooo il cuscino noooo!!”) ha ripreso il volo verso la libertà.

 

Oggi è toccato ad un piccolissimo passerotto.

Ero appena tornata a casa. Le finestre le avevo lasciate aperte. Ed un piccolo uccellino svolazzava dal lampadario al bastone della tenda. Non vi dico il gatto.. avete presente il lupo de “la spada della roccia” che seguiva Semola con la bocca spalancata sperando che cadesse? Uguale spiccicato..

sbattuto il terrorista fuori dalla camera abbiamo lasciato il passerotto da solo.. sperando riuscisse a trovare la finestra, anche perché nn c’era speranza di prenderlo perché volava troppo in alto… niente da fare dopo più di un’ora era ancora lì.

Abbiamo messo un po’ d’acqua sulla libreria e lo abbiamo lasciato tranquillo…

Al rientro nella mia cameretta… (il terrorista ha continuato a piangere per più d un’ora) sembrava non esserci più nessuno.

 

Così si è chiuso tutto. Ed al terrorista è stato permesso l’ingresso in quella che, bisogna ammetterlo, è anche la sua stanza infondo. Ma il micio inizia ad arrampicarsi sull’armadio… sulla libreria.. ovunque impazzito, al che tendiamo le orecchie ed in effetti c’era qualcosa che s muoveva..

Ma dove sta?

“Ommioddio l’uccellino è finito dietro l’armadio!!!!”

 

Io, figuriamoci, stavo già iniziando a piangere. Mi vedevo stanotte, sicuramente insonne, con sto povero animaletto destinato a morire dietro il mio armadio senza mangiare né bere.. per giorni e giorni.. mamma mia che cosa tremenda!!

Al che "prendiamo la scala!!!". Mi affaccio nella fessurina. Fortunatamente era raggiungibile. Ho infilato un pezzo d legno e piano piano l’ho tirato fuori… in realtà avrei dovuto afferrarlo.. ma la paura era troppa.

Giusto in quel momento entra mio padre in camera e lo afferra al volo… cose da pazzi… come avrà fatto!! Gli abbiamo dato da bere e poi lo abbiamo lanciato dalla finestra..

che bellino cicciottino cicciottino se ne è tornato tra gli alberelli

 

e mò attendo la prossima visita.

 

Mi sento molto Heidi….  infondo le montagne qui ci sono… ( che tristezza !!!)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il mio nome è Wilde… HeidiWilde

  1. Giugiù ha detto:

    La piccola HeidiWilde…io continuo a ridere un casino!!! Oggi mi hai fatto letteralmente scialare!!!! Un bacione piccola! E mi raccomando le frasi accanto al nick!! Che ridere :-p

  2. Daniele ha detto:

    La prossima volta magari entrerà in camera un\’aquila gigantesca che si mangierà tutti e tre : te, tua sorella e il micio :pp
     
    Buona giornata :*

  3. Gabri ha detto:

    io vorrei dire che una cosa però..che se no non se ne accorge nessuno ed è un peccato : la wilde ha chiamato il micio TERRORISTA.Ricordo che fu una persona a chiamarlo così,dopo una notte insonne tra zampette in faccia e salti sadici sul letto…:D IOOOO prrrr che egocentrica!!!

  4. claudia ha detto:

    Si anche io me la ricordo…
    mi avete costretto a chiudere il micetto fuori dalla camera …
    e manco i suoi pianti vi hanno intenerito il cuore…
     
    solo io morivo per i sensi di colpa e me ne sono andata a dormire con lui
    Prrrrrrrrrrr

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...